Jono Manson: il Grande Timoniere! – Diario di bordo, 30.06.2014

Salve Companeros!!!
Per il Grande RINGRAZIAMENTO sorvolo e rimando a giorni per un faccia a faccia con un video breve, perché vi vorrei ringraziare tanto tanto TANTO e come si deve.
Siamo arrivati alla terza puntata del Diario di Bordo…Questo appuntamento consideratelo pure settimanale, nel senso che diluite pure la lettura del mio racconto nell’arco di una settimana…ve lo dico perché so bene che sarete spaventati dalla lunghezza dei miei racconti, abituati come siete ai “messaggini “vari…
Molto tempo fa un mio caro amico quando vedeva che gli avevo scritto diceva alla moglie “M’ha scritto Marì, dovrò piglià un giorno de ferie…” Giuro che è la verità, la sintesi non è per me…imparerò magari nella prossima vita.

Jono+Manson-769226Oggi vi vorrei presentare meglio il Produttore del disco che è il Grande JONO MANSON.
Di lui potrei scrivere per giorni tornando indietro, sulle sue tracce….ma per questo vi affido al suo sito www.jonomanson.com cosi’ che potrete vedere voi stessi quanta Musica questo “ragazzo” porta con se ovunque egli vada. Ha realizzato col suo nome una quindicina di dischi e ha collaborato in una miriade di progetti musicali.
Se con l’idioma inglese non ve la cavate molto bene come me e vi interessa sapere qual è il punto della situazione rispetto alle strade e agli incontri di Jono allora vi propongo la lettura di questa bella intervista che Marco Denti ha fatto a Jono e che il Buscadero ha pubblicato pochi mesi fa.

SCARICA L’INTERVISTA A JONO MANSON IN FORMATO PDF

Se poi lo volete anche salutare questa e’ la sua pagina facebook: www.facebook.com/JonoMansonMusic

Di lui vi vorrei raccontare invece a proposito di questo disco, di questo progetto, di questa avventura, di questo Meraviglioso Viaggio che stiamo facendo.
Come vi ho già detto una cosa è certa: se non avessi incontrato e conosciuto per bene Jono, non avrei iniziato a registrare questo disco.

All’inizio ci siamo un po’ annusati come ho sempre fatto con altri con i quali c’è stato un tentativo di partenza e di collaborazione.
Ma mentre con gli altri dopo le prime “fiutate” ce ne siamo andati ognuno per la sua strada, un po’ come fanno i cani…con Jono non è stato così.
Gli ho spedito le canzoni con solo voce e chitarra e altre canzoni per indicargli i miei propositi o diciamo  verso quale “mare” mi sarebbe piaciuto far nuotare le mie canzoni… Ci siamo capiti subito, immediatamente! E lui non ha esitato affatto, neppure ha cercato, né allora né in seguito, di cambiare o invertire la rotta, di dirottare. Un grande Timoniere! Non ha mai neanche minimamente cercato di “piegare” le canzoni a logiche diverse da quelle dell’Emozione e della Bellezza, ed  sempre rimasto fedele a questo. Oggi sta cercando, giorno dopo giorno, di far sì che questo viaggio sia sempre più ricco di meraviglie per poi poterle condurre in porto, a Voi.
11.07.12_COVER.wideaQuindi per prima cosa Jono è stato il Messaggero, colui che m’ha fatto capire che era ora, che si poteva fare, che saremmo stati sia io, Sandro e le canzoni soprattutto, in Ottima Compagnia.
Ci siamo fidati l’uno dell’altro e sul rapporto di Fiducia si costruisce bene, lo stesso che ho nei vostri confronti e voi ce l’avete con me, altrimenti i risultati che la raccolta fondi “la cassa comune” testimoniano nelle ultime due settimane, non sarebbero quelli che sono.
Jono inoltre m’ha fatto conoscere un mondo che io, fino a pochi mesi fa soltanto, potevo solo immaginare. Un mondo fatto di musicisti “veri”, che praticano, che vivono la Musica! E questo mi mancava da molto tempo… forse era il motivo principale per cui non me la sentivo di affidare queste canzoni a chi poi non sarebbe stato in grado di trattarle bene, di aiutarle a fare i primi passi con Sentimento! A farle diventare Belle e Grandi!
Del resto in questi lunghi anni sono andato lontano dal mercato della musica, grande o piccolo o indipendente (da cosa e da chi?), e ho cercato di riparare altrove, dove la musica avesse ancora una ragione di vita e fosse vissuta veramente, ecco anche il motivo di decine e decine di collaborazioni,  di incontri ravvicinati con band e artisti praticamente sconosciuti e alle prime armi…dove la Musica ancora è viva e ha valore.
Con Jono ho conosciuto una vera Comunità, dove suonare è come vivere dove c’è stima rispetto curiosità, condivisione, gente che non fa la Musica ma è stata fatta dalla Musica, perché come scrive anche Byrne noi non facciamo la musica ma è la Musica che fa NOI!!!
Questo è un gran Merito di Jono, il fatto di aver sempre trovato il musicista ideale per quella canzone, per quel sentimento, per quella dimensione che si andava a cercare, a realizzare per poi farla vivere.
Vi confesso anche che, rispetto ai metodi di lavoro che avevo agli inizi delle perplessità perché sapevo che lavorare con Jono avrebbe significato anche affrontare delle fasi di registrazione da lontano. Molti di voi lo sanno che non prendo l’aereo, è una paranoia alla quale sono affezionato, forse perché è l’ultima ancora a farsi valere, o forse per pigrizia non lo so… Fatto sta che la tentazione di Prendere e Partire e Volare c’è stata in molti momenti, ma…sarà per il prossimo disco…

with-pete-seeger

Jono Manson con Steve Earle, Pete Seeger e Tao Seeger

Quindi con Jono c’è stato e continua ad esserci uno scambio quotidiano di mp3 di lunghe telefonate fatto di  di lentezza nel raggiungere il sound, il suono desiderato…e questo metodo che temevo  invece per me si è rivelato Ottimo. Un modo di lavorare che per me era nuovo ma per il risultati ottenuti l’ho trovato congeniale e opportuno.
Ri-cito David Byrne nel suo “Come Funziona La Musica”, a pag 190. Lui scrive a proposito della sua relazione a distanza con Eno…
“COME ORMAI AVETE CAPITO, LA MAGGIOR PARTE DELLE COLLABORAZIONI, ALMENO QUELLE CHE MI RIGUARDANO, NON SISVOLGE PIU’ DI PERSONA.
E’ IL RISULTATO DI UN ANDIRIVIENI DI FILE DI MUSICA DIGITALE TRAMITE E-MAIL O ALTRI SISTEMI PER IL TRASFERIMENTO DI FILE IN RETE.
SI PERDE QUALCOSA QUANDO VIENE MENO QUESTO ASPETTO DELLA COLLABORAZIONE?
SEMPLICI FRAINTENDIMENTI POSSONO INNESCARE UNA SPIRALE INCONTROLLABILE SENZA I SOTTILI SEGNALI CHE INVIAMO TRAMITE LE ESPRESSIONI FACCIALI E IL LINGUAGGIO DEL CORPO.
E GLI INCORAGGIAMENTI, LE IMBECCATE, GLI ENTUSIASMI E GLI STIMOLI CHE TENDIAMO A SCAMBIARCI DI PERSONA- “PERCHE’ NON PROVIAMO QUESTO?” OPPURE “BELLO, MA CHE NE DICI DI SUONARLO CON UN ALTRO STRUMENTO?”
POTREBBERO VENIRE A MANCARE, E NON SAREBBERO COMUNQUE ALTRETTANTO SPONTANEI.
DETTO CIO’ IL NUOVO METODO OFFRE NOTEVOLI VANTAGGI. SE E’ LECITO USARE UN’ANALOGIA COL PING -PONG, NEGLI SCAMBI VIA INTERNET SI PUO’ ATTENDERE IL GIORNO DOPO O ANCHE PIU’ A LUNGO PRIMA DI RISPONDERE AL SERVIZIO, PIANIFICANDO CON CALMA QUALI AGGIUNTE POTREBBERO FUNZIONARE MEGLIO, SENZA ALCUNA PRESSIONE PER FARSI VENIRE QUALCHE BRILLANTE IDEA SUL MOMENTO. NON C’E’ QUASI ATTIMO DI TREGUA QUANDO CHI COLLABORA CI STA ACCANTO A OGNI NOSTRA MOSSA.” ecc. ecc. ecc…

Questo modo ha permesso fra me e Jono lo scambio anche di molte canzoni, dischi, e produzioni di tanti e tanti artisti che non conoscevamo prima. Questo mi ha fatto conoscere meglio anche alcuni dei gruppi che già avevo ascoltato… Quindi alla fine di questa avventura potrò dire di aver imparato tanto, di essere molto più ricco perché ho conosciuto delle “cose” molto belle che prima non conoscevo. Sarò cresciuto di sicuro alla fine e questa per me è la cosa più importante di ogni esperienza.

Di Jono continuerò sicuramente a raccontarvi strada facendo, poi magari sarà lui stesso che vi racconterà il Viaggio attraverso questa pagina. Quello che segue è una anticipazione di tutto ciò, scritto da Jono:

“PER ME E’ UN GRANDE PIACERE, ANZI UN ONORE, FARE QUESTA COLLABORAZIONE CON I GANG.
PER UN PRODUTTORE E’ SEMPRE UNA BELLA ESPERIENZA LAVORARE CON MUSICISTI MATURI CHE CONOSCONO NON SOLO LA STORIA DELLA MUSICA MA ANCHE LA PROPRIA STORIA. MENTRE STO LAVORANDO A QUESTO PROGETTO NON SOLO STO IMPARANDO LA STORIA DELLA MUSICA ITALIANA, MA LA STORIA DI QUESTO PAESE.
IN QUESTE SETTIMANE STIAMO FACENDO UN LAVORO A DISTANZA.
QUANDO SI LAVORA IN QUESTO MODO C’E’ SEMPRE UNA SFIDA, QUELLA DI MANTENERE LA STESSA LINEA O MEGLIO LA STESSA PROSPETTIVA DALL’INIZIO FINO ALLA FINE.
MA STIAMO LAVORANDO CON I MUSICISTI PIU’ BRAVI DEL MONDO, E NON SOLO!!!
QUESTI SONO INNANZI TUTTO DELLE PERSONE INTELLIGENTI, SIMPATICHE, DISPONIBILI E SENSIBILI.
CON UNA SQUADRA COSI’ NON POSSIAMO SBAGLIARE..
ampli kelemanPER LE MIE PARTI DI CHITARRA FINO AD ORA HO USATO UN AMPLI “KELEMAN” (COSTRUITO DA JOE KELEMANN DI SANTA FE).
STO UTILIZZANDO VARIE COMBINAZIONI DI MICROFONI COMPRESI DEI MICROFONI A NASTRO.
LE CHITARRE CHE HO SUONATO NEL DISCO FINORA SONO:
LA MIA TELECASTER (CHE E’ STATA LA MIA COMPAGNA PER 30 ANNI), LA CHITARRA TENORE (SIA ELETTRICA CHE ACUSTICA), LA CHITARRA BARITONA ELETTRICA E UNA CHITARRA 12 CORDE…
MA CI SONO MOLTE ALTRI PARTI DI CHITARRA ANCORA  DA INCIDERE…”
Jono Manson

Ci si vede in settimana e lunedì prossimo nuova puntata del diario con la presentazione di un Grande musicista della nuova Onda americana.
Intanto si sono uniti a noi in questa settimana ALESSANDRO MAZZIOTTI pifferaio magico nonché incantatore di serpenti, un vero Maestro! Che il Vento fa Cantare!
E STEO ZACCHI che curerà insieme a LUCA GUERRI e sua moglie ERIKA la parte relativa alla copertina e non solo. Luca lo conoscerete di sicuro per le tante copertine dei nostri dischi negli ultimi anni e Steo per quello che ci riguarda è l’ideatore del logo che conoscete bene visto che da 20 anni e passa   sta sulle nostre magliette, sui nostri manifesti, e ci rappresenta… Ma anche di loro vi racconterò nelle prossime puntate.
Intanto mi raccomando… Godetevela a piu’ non posso!!!
E continuate a tenere il passo nella Bufera!!!
Io saro’ con voi.
Marino

[Sostieni ora la campagna crowdfunding "Sangue e Cenere"]

6 Commenti
  1. che il vento torni a diventare tempesta!!!

    1
  2. Come sempre un onore e un piacere. E se serve un viaggio a Santa Fe’ per noi l’aereo non è un problema…

    2
  3. Ciao Marì! È tanto che non ci ci sente ma ti leggo, ti seguo e di tanto ti nomino e non vedo l’ora di ascoltare. Nel frattempo anche noi abbiamo registrato un altro disco e nella Bufera teniamo sempre il passo, finché ce n’è si tiene il passo! Un abbraccio. Francesco

    3
  4. Vi seguo piu’ ora che sono a 12000 chilometri di distanza, che prima ero a soli 12 chilometri.
    Complimenti Marino, Sandro e il resto della Banda.

    Hasta luego Amigos.

    Abrazo. Vincenzo.

    4
  5. bella storia.il paradiso non ha confini.

    5
  6. bella storia..il paradiso non ha confini.

    6