Nel mio giardino

Nel mio giardino

C’è sangue sulle rose
e non c’è pane senza vino
e i ragazzi dell’alba ci sono
con il loro bottino
C’è pelle di serpente
e tracce di un addio
ci sono segni di lotta
sul cadavere di Dio
E c’è un trionfo di ali nel mattino
è tutto qui
qui
nel mio giardino
C’è un marinaio
con la sua vertigine
c’è una montagna
che si chiama solitudine
E c’è mia madre che canta
insieme ad Otis Redding
e ogni volta la luna si getta
nel pozzo dei suoi desideri
E c’è un trionfo di ali nel mattino
è tutto qui
qui
nel mio giardino
C’è il cavallo di Troia
con dentro mille ferite
e più di centomila baci
ad occhio e croce
E c’è l’angelo bianco
che insegue il mio tacchino
c’è una moneta d’oro
con sopra la maschera di Arlecchino
E c’è un trionfo di ali nel mattino
e se c’è un posto dove torna un Re Bambino
è proprio qui
qui
nel mio giardino