"Nessuno Oltraggi Nessuno"

nessunoltragginessunoNuova partecipazione dei Gang ad un importante progetto a difesa dei diritti umani.
I Gang sono presenti con una versione di Socialdemocrazia tratta dalla tournée Gang City Ramblers.

Il CD è in vendita in tutti i negozi Feltrinelli e allegato come inserto al Manifesto
Sito: www.comitatodirittiumani.it

LA PRESENTAZIONE DI VITTORIO BARBANOTTI, L’IDEATORE DELL’INIZIATIVA
Salve ragazze e ragazzi, sono Vittorio e desidero spiegarvi il perchè dei motivi che hanno spinto queste 14 Band a dare al “Comitato per i Diritti Umani” questa solidarietà nel creare una compilation dedicata alla difesa dei Diritti ed alla loro diffusione.
Permettetemi innanzitutto di dirvi quali sono queste band: YO YO MUNDI / AFRICA UNITE / JOLAURLO / LES ANARCHISTES /BANDABARDO’ / GANG+MODENA CITY RAMBLERS/ PORNORIVISTE / JOVINE / KLASSE KRIMINALE /PUNKREAS / ASSALTI FRONTALI / TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI / ALESSIO LEGA + I MOKA / IVANA GATTI +GIANNI MAROCCOLO.
Come sicuramente avrete avuto modo di notare sono tutte Band che con le loro canzoni da sempre trasmettono messaggi di pace, di un grosso “no!” al razzismo, contro ogni forma di schiavitù e contro l’ipocrisia di tanti, troppi politici.
Mi sono trovato a chiedere a queste Band, questa forma di solidarietà perchè sono fortemente convinto che la musica è e sarà sempre un elemento straordinario di messaggio,soprattutto quando vuoi trasmettere quelle cose che l’ipocrisia dei troppi ti impedisce.
Entrando nello specifico, vi dico che il Comitato, di cui ne sono il responsabile, è un comitato che negli anni passati si è adoperato con iniziative di dibattiti, presidi, partecipazione a manifestazioni e a tante, tantissime altre situazioni, per creare quell’interesse e far si che chi di dovere, si muovesse istituzionalmente perchè l’ingiustizia contro Silvia Baraldini venisse sconfitta e far cosi che potesse tornare in Italia.
L’esperienza di anni di attività, ci ha anche a noi stessi insegnato tantissimo e ci ha fatto toccare direttamente con mano che i Diritti Umani e purtroppo la violazione di essi non sono stati solamente nei confronti di Silvia, ma disgraziatamente sono di una vastità enorme come anche le guerre, che l’unico risultato che raggiungono è di seminare distruzione e morte, di non creare ne vinti ne vincitori, ma soprattutto vittime innocenti.
Per questo abbiamo il desiderio di mettere al servizio della causa a favore dei Diritti,la nostra esperienza per far si che dei Diritti Umani,se ne parli più spesso, per una cultura che non sia necessariamente politica, ma una cultura che venga dalla base di ognuno di noi,c he venga dal capire i giovani e i loro bisogni, le loro richieste, di capire il loro mondo, ma senza partire dalla presunzione, che siccome siamo più vecchi, necessariamente ne sappiamo più di loro. NO! Per me non è cosi, i giovani non sono difficili da capire e neanche rifiutano l’eventuale nostro aiuto,si chiudono (giustamente a riccio), quando dall’altra parte capiscono che c’è solamente gente che ha la pretesa di insegnare senza ascoltare.
Abbiamo un progetto, per portare i Diritti Umani, nelle scuole, non come insegnamento, ma come materiale di discussione, per far si che un giorno,magari (è la nostra speranza)neanche troppo lontano, le persone sappiano cosa vogliano dire quelle due parole, ovvero “I DIRITTI UMANI” e non perchè glielo ha detto ho suggerito qualche politico d’assalto, ambizioso, arrivista, ecc, ecc.
Desideriamo che delle milioni di donne che ogni giorno vengono a subire ogni sorta di violenza non se ne parli solamente per riempire il palinsesto di un telegiornale o una campagna elettorale, per poi tacerne subito dopo, ma continuare a parlarne; anche questo è un modo per combattere questa forma di violenza che è una vergogna come una vergogna è anche che nel nostro amato paese nessuno parli a sufficienza di un dramma altrettanto vergognoso e scandaloso, neanche quei politici (come detto prima) che hanno la presunzione di insegnarci qualche cosa.
Quest’altro scandalo, è la presenza anche nel nostro paese, che si vanta di essere civile, della piaga dello sfruttamento del lavoro minorile.
Nel nostro paese,non sembra interessare a molti che ci sia oltre mezzo milione di bambini che sono costretti a lavorare al di sotto dell’età di legge consentita.
Ecco,questi sono i nostri progetti,questi sono quei progetti,che ci hanno messo nella condizione di chiedere questa forma di aiuto, per questo il CD sta uscendo, esce per permettere ad un comitato che rifiuta aiuti politici,di sperare almeno in parte di recuperare quelle sostanze,perse con l’attività precedente e ripartire,per continuare a denunciare continuamente queste vergognose situazioni.
Spero che quello che vi ho scritto,vi sia sufficiente per capire il perchè di questo appello desidero sperare nel vostro aiuto nell’acquistare e far acquistare questo CD, ma soprattutto desidero sperare di essere stato chiaro nel cercare di farvi capire quali sono i nostri progetti,avrei potuto essere stato anche più lungo,ma avrei corso il rischio di annoiarvi.
Entro la fine del mese,dovrei iniziare a girare per la presentazione di questo CD, nel frattempo, molto probabilmente,sarò presente in diversi concerti delle Band partecipanti a questa compilation e spero di potervi incontrare, di conoscervi e di sentire da tanti, la volontà di unirvi a noi in questa lotta contro le falsità e le ipocrisie. Grazie a tutte le Band ed a “IL MANIFESTO”, che hanno contribuito a questa compilation e grazie anche a tutti quelli che acquistandola ci daranno un aiuto a portare avanti questa lotta.

**Barbanotti Vittorio cell.338/3394662
Mail: dirittiumani@libero.it
Sito: www.comitatodirittiumani.it